Fornetto, meglio tradizionale o ventilato?

Con la tendenza a ottimizzare gli spazi della cucina, che spesso è un angolo cottura nel soggiorno, sempre più piani cottura non dispongono del forno tradizionale, un trend che ha spinto alle stelle la diffusione dei fornetti elettrici. Pratici e maneggevoli, efficienti al punto da sostituire degnamente il vecchio forno, leggeri e trasportabili ovunque questo piccolo grande elettrodomestico si è ritagliato un posto importante nelle nostre cucine. Chi pensa che serva solo a cuocere la pizza o a riscaldare i surgelati sbaglia di grosso. Oggi i fornetti elettrici in commercio, di tutte le taglie, prezzi e tipologie, sono versatili e in grado di cucinare rapidamente ogni tipo di pietanza facendo fare un figurone alla padrona di casa, in caso di pranzi o cenette luculliane con ospiti e comitive di amici. Ecco spiegato il successo di questo prodotto, che si fa apprezzare anche per la convenienza, come si può vedere scorrendo la vetrina di modelli su www.fornettomigliore.it.

Entrando più nel dettaglio, oltre alla varietà di modelli per prezzo e design, i forni elettrici si dividono in due macro-categorie: tradizionali e ventilati. Vediamo, insieme, le differenze per poi scegliere il tipo di fornetto che più ci aggrada e risponde meglio alle nostre esigenze domestiche e culinarie. Il fornetto elettrico è un elettrodomestico statico che emette calore da due resistenze poste alle estremità del vano forno, in alto e in basso. Si può decidere se usare entrambe o una sola delle due, a seconda dei cibi da cuocere, utilizzando la griglia nella parte superiore per grigliare sfruttando il calore a temperatura più elevata.

Oltre al fornetto tradizionale sono sbarcati sul mercato anche i modelli ventilati, nei quali la cottura sfrutta il calore veicolato da una ventola dentro la camera del forno. In questo modo è possibile cuocere più pietanze contemporaneamente in quanto l’aria calda viene dosata in modo omogeneo, pratica sconsigliabile in un forno statico in quanto i dislivelli di calore tra alto e basso produrrebbero cotture diverse. C’è, poi, da dire che la cottura con il fornetto ventilato è più rapida, in quanto ottimizza la circolazione uniforme dell’aria calda, che si traduce in un piatti da chef in tempi rapidi e senza fatica.